31.9 C
Roma
mercoledì, Giugno 29, 2022

American animals, l’involuzione alla faccia di Darwin

-

di Laura Salvioli
Questo film del 2018 lo travate su Amazon prime e lo segnalo come splendido esempio di quel cinema americano indie alternativo che  a me piace tanto. Come nel suo incipit la pellicola in questione non è “ tratto da una storia vera ma è una storia vera”. La trama, infatti, narra di una rapina alternando la testimonianza dei protagonisti alla messa in scena del film. Siamo alla Transilvania University e dei normalissimi studenti decidono di rubare una serie di libri molto rari che arrivano a valere ben 12 milioni di dollari e sono custoditi solamente da una bibliotecaria un po’ attempata.

Per Barry Layton questo è il secondo lungometraggio e traspare tutto il suo amore per il cinema e la voglia di spogliarlo da tutta la finzione che lo ha pervaso per anni e che ha creato in tutti noi un immaginario travisato della realtà soprattutto per quello che riguarda gli atti illeciti.

Come vada a finire la rapina ve lo lascio scoprire ovviamente, perché ciò che ci colpisce è il movente. Infatti, ciò che spinge i quattro studenti è la volontà ferrea di fare qualcosa che dia un senso alle proprie esistenze, come se solo un atto delinquenziale possa effettivamente farlo. Dei comuni ragazzi della classe media, dei privilegiati che addirittura possono permettersi di studiare arte sentono la necessità di avere qualcosa in più di una vita normale come quella dei loro genitori e trovano, a loro parere, un modo per farlo. La riflessione che mi ha portato a fare è: avremmo dovuto esserci evoluti in questi secoli come esseri umani ma, è come se tutto questo benessere e questa possibilità infinita di scelta ci abbiano alla fine portato ad essere sempre infelici ed alla eterna ricerca di qualcosa in più che in realtà non c’è. Alla fine è come se fossimo tornati tutti nelle nostre caverne al buio senza riuscire a guardare e a godere di tutto il bello che c’è fuori.

 

(13 giugno 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 



 

 

 

 

 

 

 



POTREBBERO INTERESSARTI

Pubblicità
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: